L’8 febbraio 1989 Francis Fukuyama torna a Chicago, la città dov’è nato in una famiglia giapponese, per tenere una conferenza. Ha 36 anni e gli ultimi dieci li ha passati alla Rand Corporation, dopo aver studiato filosofia, letteratura e politica nei più prestigiosi atenei del mondo (Cornell, Yale, Harvard, con una parentesi a Parigi, sotto la supervisione di Roland Barthes e Jacques Derrida). Invitato all’Università dal suo vecchio professore Allan Bloom per parlare del declino dell’Occidente, interviene come neoconsulente per la politica estera del Dipartimento di Stato e, con la mente rivolta alla perestrojka lanciata da Gorbačëv, sceglie di titolare la sua relazione con una domanda: Have we reached the end of history? Il discorso cattura subito l’interesse di un amico australiano di Fukuyama, Owen Harries, che nel giugno dello stesso anno lo fa pubblicare su «The National Interest», la rivista da lui fondata insieme all’uomo chiave del neoconservatorismo americano, Irving Kristol. Le 15 pagine apparse col titolo The end of history? faranno la fortuna del giovane intellettuale nippoamericano, giacché dopo l’abbattimento del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, gli varranno la fama del profeta.

"La fine della storia e l'ultimo uomo" di Francis Fukuyama

Giulio Azzolini
2021

Abstract

L’8 febbraio 1989 Francis Fukuyama torna a Chicago, la città dov’è nato in una famiglia giapponese, per tenere una conferenza. Ha 36 anni e gli ultimi dieci li ha passati alla Rand Corporation, dopo aver studiato filosofia, letteratura e politica nei più prestigiosi atenei del mondo (Cornell, Yale, Harvard, con una parentesi a Parigi, sotto la supervisione di Roland Barthes e Jacques Derrida). Invitato all’Università dal suo vecchio professore Allan Bloom per parlare del declino dell’Occidente, interviene come neoconsulente per la politica estera del Dipartimento di Stato e, con la mente rivolta alla perestrojka lanciata da Gorbačëv, sceglie di titolare la sua relazione con una domanda: Have we reached the end of history? Il discorso cattura subito l’interesse di un amico australiano di Fukuyama, Owen Harries, che nel giugno dello stesso anno lo fa pubblicare su «The National Interest», la rivista da lui fondata insieme all’uomo chiave del neoconservatorismo americano, Irving Kristol. Le 15 pagine apparse col titolo The end of history? faranno la fortuna del giovane intellettuale nippoamericano, giacché dopo l’abbattimento del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, gli varranno la fama del profeta.
Il futuro. Storia di un'idea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AZZOLINI G (2021), %22La fine della storia e l'ultimo uomo%22 di Francis Fukuyama.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 160.77 kB
Formato Adobe PDF
160.77 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3744244
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact