Il volume si incarica di approfondire lo studio del pensiero dei pensatori che tra Medioevo ed Età Moderna hanno negato o messo in dubbio il valore dei principi secondo i quali tutto ciò che è voluto è voluto in quanto bene e tutto desiderano la felicità. Dopo una ricostruzione dell'emergenza del problema a partire da Aristotele e Agostino, la ricerca si concentra in particolare sul filone volontarista della Scolastica tra Medioevo ed Età Moderna, per giungere fino alla metà del XVII secolo. Ne emerge la costruzione problematica, ma carica di conseguenze per la cultura europea, di un nuovo paradigma di libertà.

Libertà inquieta. Ricerche su male e volontà tra XIV e XVI secolo

Gian Pietro Soliani
2020

Abstract

Il volume si incarica di approfondire lo studio del pensiero dei pensatori che tra Medioevo ed Età Moderna hanno negato o messo in dubbio il valore dei principi secondo i quali tutto ciò che è voluto è voluto in quanto bene e tutto desiderano la felicità. Dopo una ricostruzione dell'emergenza del problema a partire da Aristotele e Agostino, la ricerca si concentra in particolare sul filone volontarista della Scolastica tra Medioevo ed Età Moderna, per giungere fino alla metà del XVII secolo. Ne emerge la costruzione problematica, ma carica di conseguenze per la cultura europea, di un nuovo paradigma di libertà.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Libertà inquieta.pdf

non disponibili

Descrizione: Monografia
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 921.56 kB
Formato Adobe PDF
921.56 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3742792
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact