Democrazie e religioni. La sfida degli incompatibili?