Prefazione. La casualità morale del lavoro e l'irrazionalità della storia