L'articolo esamina la mitizzazione della vita quotidiana attraverso l'adozione del multietnoletto delle periferie stoccolmesi da parte del quindicenne Halim nel suo diario. Halim, svedese con genitori immigrati dal Marocco, è da poco orfano di madre e si è trasferito con il padre in un quartiere più centrale della capitale svedese. L'adozione della lingua creolizzata delle periferie non serve a Halim per esprimersi 'spontaneamente' ma per costruire consapevolmente, attraverso la scrittura, una necessaria corazza che lo aiuti a ricordare e a formarsi in un periodo difficile della sua adolescenza, soprattutto a scuola e tra i pari, ma anche in relazione al padre. La costruzione mitica del "sultano del pensiero" lascia intravedere la fragilità del ragazzo e i problemi che deve affrontare ogni giorno, e permette all'autore Jonas Hassen Khemiri, nel suo romanzo d'esordio del 2003, di interpretare la ribellione del suo protagonista riflettendo in termini originali su integrazione e razzismo, inclusione ed esclusione nella contemporanea società svedese.

Mitizzare il quotidiano. Halim "sultano del pensiero" in Ett öga rött di Jonas Hassen Khemiri

Massimo Ciaravolo
2020

Abstract

L'articolo esamina la mitizzazione della vita quotidiana attraverso l'adozione del multietnoletto delle periferie stoccolmesi da parte del quindicenne Halim nel suo diario. Halim, svedese con genitori immigrati dal Marocco, è da poco orfano di madre e si è trasferito con il padre in un quartiere più centrale della capitale svedese. L'adozione della lingua creolizzata delle periferie non serve a Halim per esprimersi 'spontaneamente' ma per costruire consapevolmente, attraverso la scrittura, una necessaria corazza che lo aiuti a ricordare e a formarsi in un periodo difficile della sua adolescenza, soprattutto a scuola e tra i pari, ma anche in relazione al padre. La costruzione mitica del "sultano del pensiero" lascia intravedere la fragilità del ragazzo e i problemi che deve affrontare ogni giorno, e permette all'autore Jonas Hassen Khemiri, nel suo romanzo d'esordio del 2003, di interpretare la ribellione del suo protagonista riflettendo in termini originali su integrazione e razzismo, inclusione ed esclusione nella contemporanea società svedese.
Mitologi, mitografi e mitomani. Tracce del mito attraverso i secoli. Scritti per i 65 anni di Fulvio Ferrari
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ciaravolo, Mitizzare il quotidiano.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 203.5 kB
Formato Adobe PDF
203.5 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3727031
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact