Bong Joon-ho, o dell'efferatezza inesorabile