Appunti sulla prosodia del Lussorio di Shackleton-Bailey: alcune questioni di metodo