Trasferimento d’azienda e crisi d’impresa: una eterogenesi dei fini da parte del legislatore italiano?