«Ecco il mondo»: Arrigo Boito, il futuro nel passato e il passato nel futuro