Vladimir Zabugin all’intersezione di due culture