"Orgia de luz" ovvero la dispersione immaginaria: la parola e l'immagine nella "Confissão de Lúcio" di Mário de Sá-Carneiro