"Per parti" e "a voce sola". Sull'articolazione drammatica di Annibale Ruccello