«Phaedra» di Benjamin Britten. Verso un’interpretazione «queer»