Un «Mefistofele» conteso. Garibaldini, socialisti, anarchici e il misoneismo politico di Arrigo Boito