Da «Le Racine» a «Fedra» di Sylvano Bussotti. Riscrittura di un libretto metateatrale