Per "narrare a quei del tempo presente": considerazioni sulla stesura del "Trattato di pace et accommodamento" di Sarpi