Intersecando critical race studies e studi sulla visualità, questo saggio analizza la figura di Django Freeman nel film Django Unchained di Quentin Tarantino (2012) e la legge come una figura che, andando a posizionarsi a cavallo di alcuni tropi del western, contribuisce a riscrivere la storia della visualità della schiavitù e di alcuni suoi elementi più o meno ricorrenti, come lo schiavo inginocchiato, lo schiavo fustigato e lo schiavo a cavallo.

Django Freeman. Pratiche eroiche a cavallo degli archivi della blackness e del western

Elisa Bordin
2017

Abstract

Intersecando critical race studies e studi sulla visualità, questo saggio analizza la figura di Django Freeman nel film Django Unchained di Quentin Tarantino (2012) e la legge come una figura che, andando a posizionarsi a cavallo di alcuni tropi del western, contribuisce a riscrivere la storia della visualità della schiavitù e di alcuni suoi elementi più o meno ricorrenti, come lo schiavo inginocchiato, lo schiavo fustigato e lo schiavo a cavallo.
A fior di pelle. Bianchezza, nerezza e visualità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BORDIN_Django Freeman.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 3.27 MB
Formato Adobe PDF
3.27 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3720251
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact