Simile o equivalente? Sul “realismo” della ritrattistica votiva