I confini della cittadinanza nel linguaggio costituzionale tra Sette e Ottocento: alcune riflessioni