"Tutti amici, tutti, o quasi tutti, dissenzienti": Max Ascoli, Alessandro Levi e Carlo Rosselli