«Disotterriamo que' polverosi capolavori»: il recupero di Alessandro Scarlatti a Napoli tra Ottocento e Novecento