Fin dagli inizi del ventesimo secolo l’innovarsi della danza giapponese è intimamente intrecciato alle espressioni corporee prodotte in Germania. Esponenti dell’avanguardia storica come Yamada Kōsaku e Maruyama Tomoyoshi danno vita a soluzioni originali dopo aver arricchito la loro esperienza in Germania. I fondatori della danza moderna giapponese, Ishii Baku e Eguchi Takaya, basano la loro tecnica sull’Ausdruckstanz, che a sua volta diviene radice delle sperimentazioni corporee dell’iconoclastia scenica prodotta dal butō. Il debutto del Tanztheater di Pina Bausch nell’arcipelago nel 1986 contribuisce ad aprire una nuova prospettiva verso la contemporaneità nella danza in Giappone. Nonostante tutto, nel corso storico si vengono a creare due sfere indipendenti che sembrano compeneterarsi con difficoltà. L’interrogativo di questo studio verte in particolare sulla possibilità e i limiti dell’innesto della concezione corporale del butō di Hijikata Tatsumi, delineatosi in un contesto dove la cultura coreutica conserva dei tratti netti di identità nazionale e regionale, sui fenomeni coreutici coltivati in Germania, dove prevalentemente vige una corporalità forte come quella che si profile nell’arte di Mary Wigman, Pina Bausch e William Forsythe.

Butō, la danza non danzata: culture coreutiche e corporalità che si intersecano tra Giappone e Germania

CENTONZE Katja
2015

Abstract

Fin dagli inizi del ventesimo secolo l’innovarsi della danza giapponese è intimamente intrecciato alle espressioni corporee prodotte in Germania. Esponenti dell’avanguardia storica come Yamada Kōsaku e Maruyama Tomoyoshi danno vita a soluzioni originali dopo aver arricchito la loro esperienza in Germania. I fondatori della danza moderna giapponese, Ishii Baku e Eguchi Takaya, basano la loro tecnica sull’Ausdruckstanz, che a sua volta diviene radice delle sperimentazioni corporee dell’iconoclastia scenica prodotta dal butō. Il debutto del Tanztheater di Pina Bausch nell’arcipelago nel 1986 contribuisce ad aprire una nuova prospettiva verso la contemporaneità nella danza in Giappone. Nonostante tutto, nel corso storico si vengono a creare due sfere indipendenti che sembrano compeneterarsi con difficoltà. L’interrogativo di questo studio verte in particolare sulla possibilità e i limiti dell’innesto della concezione corporale del butō di Hijikata Tatsumi, delineatosi in un contesto dove la cultura coreutica conserva dei tratti netti di identità nazionale e regionale, sui fenomeni coreutici coltivati in Germania, dove prevalentemente vige una corporalità forte come quella che si profile nell’arte di Mary Wigman, Pina Bausch e William Forsythe.
Butō. Prospettive europee e sguardi dal Giappone
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Butō, la danza non danzata culture coreutiche e corporalità che si intersecano tra Giappone e Germania 2015.pdf

accesso aperto

Dimensione 3.68 MB
Formato Adobe PDF
3.68 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3715696
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact