Doppia metafora: scultura come archivio o impronta?