Giancarlo Gaeta, lettore di Simone Weil