Girolamo Savonarola e la sua riforma tra arte, denaro e rogo delle vanità