"Parole senza rima e senza studio": La poesia di guerra di Vittorio Locchi