Frammenti di uno ‘scriptorium’: San Vincenzo al Volturno