Un "velenoso pasticcio" made in Italy. Il caso della donazione Layard