At the center of the essay are the German translations of the works of the Catholic mystic Catherine of Genoa (1477-1510), investigated within a broader reflection on cultural transfers between different linguistic, national and religious contexts and on the category of "confessional impartiality" between the seventeenth and eighteenth centuries. What emerges is the importance of the city of Halle as a center of irradiation of religious, philanthropic, pedagogical and cultural initiatives and the decisive role of August Hermann Francke (1663-1727), one of the fathers of Lutheran pietism. Through the case-study of the translations of Catherine of Genoa's works in Lutheran Germany, it was possible to investigate the abstract category of confessional "impartiality" not only on a theoretical level but also in a more concrete dimension of Kulturtransfer. From this point of view, the mediators and networks of groups and individuals who come into play in various ways in this operation of cultural "grafting" were also taken into consideration.

Al centro del saggio sono le traduzioni tedesche di ambito pietista dei testi della mistica cattolica Caterina da Genova (1477-1510), indagate all'interno di una riflessione più ampia sui transfer culturali tra diversi contesti linguistici, nazionali e religiosi e sulla categoria di “imparzialità confessionale” tra Sei e Settecento. Emerge l’importanza della città di Halle come centro di irraggiamento di iniziative religiose, filantropiche, pedagogiche e culturali e il ruolo decisivo di August Hermann Francke (1663-1727), uno dei padri del pietismo luterano. Attraverso il caso di studio delle traduzioni dei testi di Caterina da Genova nella Germania luterana è stato possibile indagare la categoria astratta di “imparzialità” confessionale non solo sul piano teorico ma anche in una dimensione più concreta di Kulturtransfer. In quest’ottica sono state prese in considerazione anche le figure di mediatori e i networks di gruppi e individui che entrano in gioco a vario titolo in questa operazione di “innesto” culturale.

Migrazioni della mistica. Note sulla fortuna di Caterina da Genova nel pietismo tedesco

Adelisa Malena
2018-01-01

Abstract

Al centro del saggio sono le traduzioni tedesche di ambito pietista dei testi della mistica cattolica Caterina da Genova (1477-1510), indagate all'interno di una riflessione più ampia sui transfer culturali tra diversi contesti linguistici, nazionali e religiosi e sulla categoria di “imparzialità confessionale” tra Sei e Settecento. Emerge l’importanza della città di Halle come centro di irraggiamento di iniziative religiose, filantropiche, pedagogiche e culturali e il ruolo decisivo di August Hermann Francke (1663-1727), uno dei padri del pietismo luterano. Attraverso il caso di studio delle traduzioni dei testi di Caterina da Genova nella Germania luterana è stato possibile indagare la categoria astratta di “imparzialità” confessionale non solo sul piano teorico ma anche in una dimensione più concreta di Kulturtransfer. In quest’ottica sono state prese in considerazione anche le figure di mediatori e i networks di gruppi e individui che entrano in gioco a vario titolo in questa operazione di “innesto” culturale.
Scritture, carismi, istituzioni. Percorsi di vita religiosa in età moderna. Studi per Gabriella Zarri
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SL301_estratto_Malena Migrazioni della mistica.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 1.3 MB
Formato Adobe PDF
1.3 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3703647
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact