La traduzione del saggio di Jacques Geninasca Il logos del formato (2002) annoda i fili di un discorso rimasto in sospeso. Nella teoria e nella pratica pittorica di Geninasca le ricerche di Algirdas J. Greimas e di Félix Thürlemann sulla semiotica plastica hanno avuto un seguito felice, a lungo ignorato. In questo articolo, scelto come terzo numero dei Documenti di lavoro, il semiologo svizzero si interroga sulle articolazioni del “formato”: uno spazio “rappresentante”, enunciazionale, da saper osservare e progettare dove massimo è l’apporto della traducibilità fra arti visive e poesia. Geninasca, diversamente da Thürlemann, riconosce autonomia al formato del quadro – interfaccia dell’oggetto percepito con il soggetto percipiente. E indaga tre casi-studio, La Flagellazione di Piero della Francesca, La Notte stellata di van Gogh e un fotogramma del video Motus vivendi di Carmen Kreis, per distinguere il campo invisibile del formato, sovraordinato alla cornice, la dimensione topologica e la rappresentazione. Lo spettatore attualizza ogni volta una geometria virtuale, percettiva, osservandovi, inscritti, i modi di presa della figuratività.

Postfazione a J. Geninasca, Il logos del formato

MIGLIORE T
2013-01-01

Abstract

La traduzione del saggio di Jacques Geninasca Il logos del formato (2002) annoda i fili di un discorso rimasto in sospeso. Nella teoria e nella pratica pittorica di Geninasca le ricerche di Algirdas J. Greimas e di Félix Thürlemann sulla semiotica plastica hanno avuto un seguito felice, a lungo ignorato. In questo articolo, scelto come terzo numero dei Documenti di lavoro, il semiologo svizzero si interroga sulle articolazioni del “formato”: uno spazio “rappresentante”, enunciazionale, da saper osservare e progettare dove massimo è l’apporto della traducibilità fra arti visive e poesia. Geninasca, diversamente da Thürlemann, riconosce autonomia al formato del quadro – interfaccia dell’oggetto percepito con il soggetto percipiente. E indaga tre casi-studio, La Flagellazione di Piero della Francesca, La Notte stellata di van Gogh e un fotogramma del video Motus vivendi di Carmen Kreis, per distinguere il campo invisibile del formato, sovraordinato alla cornice, la dimensione topologica e la rappresentazione. Lo spettatore attualizza ogni volta una geometria virtuale, percettiva, osservandovi, inscritti, i modi di presa della figuratività.
Il logos del formato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Migliore Geninasca.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 1.78 MB
Formato Adobe PDF
1.78 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3699873
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact