Sempre più spesso l'immagine dello yoga sembra essere onnipresente. Si coniuga con le più svariate pratiche sportive, dilaga tra divi e dive dello star system, fa capolino tra i punti programmatici dei governi, segnando convergenze di interessi e una prossimità tra mondi talvolta ardua da cogliere e impensabile sino a pochi decenni fa. Lo yoga è divenuto sinonimo di successo, appeal, forma fisica, wellness. Ma come sono mutate l'immagine dello yogin e la definizione stessa di yoga? Cosa ne è stato degli asceti e dei sadhu che popolavano gli antichi ritratti? E soprattutto, la nuova icona dello yoga dello yogin, densa di capitali simbolici e capace di racchiudere la forza evocativa dei mondi che in essa confluiscono e si addensano, come si è originata? Muovendo dall'analisi proposta nel volume 17 della presente collana, le pagine di questa nuova breve storia visuale dello yoga intendono offrire un ulteriore repertorio ragionato di immagini, questa volta a partire dall'arrivo delle imprese coloniali europee in India fino all'attuale proliferazione della ritrattistica digitale. Oltre a ribadire la funzione e l'importanza della componente visuale nello srotolarsi della storia "dello yoga", si dimostrerà quanto quell'immagine, capace di ingannare e tradire più di ogni altro mezzo, ha rivestito - e ogni giorno riveste - un ruolo determinante nella costruzione dello yoga che conosciamo.

Secondo Canapo. This is not yoga, yet. Immagini dall'alba dello yoga del fitness e della remise en forme.

Sara Mondini
;
Federico Squarcini
2017-01-01

Abstract

Sempre più spesso l'immagine dello yoga sembra essere onnipresente. Si coniuga con le più svariate pratiche sportive, dilaga tra divi e dive dello star system, fa capolino tra i punti programmatici dei governi, segnando convergenze di interessi e una prossimità tra mondi talvolta ardua da cogliere e impensabile sino a pochi decenni fa. Lo yoga è divenuto sinonimo di successo, appeal, forma fisica, wellness. Ma come sono mutate l'immagine dello yogin e la definizione stessa di yoga? Cosa ne è stato degli asceti e dei sadhu che popolavano gli antichi ritratti? E soprattutto, la nuova icona dello yoga dello yogin, densa di capitali simbolici e capace di racchiudere la forza evocativa dei mondi che in essa confluiscono e si addensano, come si è originata? Muovendo dall'analisi proposta nel volume 17 della presente collana, le pagine di questa nuova breve storia visuale dello yoga intendono offrire un ulteriore repertorio ragionato di immagini, questa volta a partire dall'arrivo delle imprese coloniali europee in India fino all'attuale proliferazione della ritrattistica digitale. Oltre a ribadire la funzione e l'importanza della componente visuale nello srotolarsi della storia "dello yoga", si dimostrerà quanto quell'immagine, capace di ingannare e tradire più di ogni altro mezzo, ha rivestito - e ogni giorno riveste - un ruolo determinante nella costruzione dello yoga che conosciamo.
Rappresentazioni e icone. L'immaginario dello yoga dalla litografia al ritratto digitale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Yoga Vol.23 interni_stampa.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 4.82 MB
Formato Adobe PDF
4.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3699544
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact