Un filosofo, una statua mutila e un “eroe minore” di Maratona: creare una nuova identità a un monumento nel periodo della Seconda Sofistica