‘Dissidenti’ e invitati alle mostre del 1920. Dibattito su una ricezione critica