I Longobardi e la scrittura