L’automa parlante. Linguaggio e parallelismo psico-fisico nella tradizione leibnizio-wolffiana