La società ebraica al femminile: una debolezza condivisa o una peculiarità di autonomia?