La “colonna vivente” come fatto mistico