Allegoria e realismo in "Una lunga pazzia"