Il saggio prende in esame l'interpretazione di Aristotele proposta da Carlo Michelstaedter. Aristotele è per Michelstadeter pensatore rettorico per eccellenza: uno pseudo-filosofo che, più ancora del suo maestro Platone, ha tradito l'autenticità del messaggio dei Presocratici e la qualità dell'educazione socratica. Anche per questo il pensiero aristotelico appare attualissimo, se è vero che il mondo contemporaneo è il mondo che vive il trionfo di una rettorica ormai onnipervasiva.

La consistenza del relativo: Michelstaedter e Aristotele.

BRIANESE, Giorgio
2012

Abstract

Il saggio prende in esame l'interpretazione di Aristotele proposta da Carlo Michelstaedter. Aristotele è per Michelstadeter pensatore rettorico per eccellenza: uno pseudo-filosofo che, più ancora del suo maestro Platone, ha tradito l'autenticità del messaggio dei Presocratici e la qualità dell'educazione socratica. Anche per questo il pensiero aristotelico appare attualissimo, se è vero che il mondo contemporaneo è il mondo che vive il trionfo di una rettorica ormai onnipervasiva.
La via della persuasione. Carlo Michelstaedter un secolo dopo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BRIANESE_2012_La consistenza del relativo.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 109.75 kB
Formato Adobe PDF
109.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/32908
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact