Durante il periodo dell'occupazione giapponese a Taiwan (1895-1945) non sempre gli scrittori riuscirono a rendere esplicite le proprie proteste nei confronti della situazione politica. In alcuni casi, essi rivolsero le proprie critiche non ai colonizzatori giapponesi ma ai propri compatrioti, utilizzando la tecnica del "fengci" e combinando satira ed ironia. L'analisi di un racconto di Zhu Dianren puo' essere particolarmente interessante per illustrare questa tendenza.

Ironia e resistenza in un autore taiwanese del periodo dell'occupazione: Zhu Dianren

PASSI, Federica
2005

Abstract

Durante il periodo dell'occupazione giapponese a Taiwan (1895-1945) non sempre gli scrittori riuscirono a rendere esplicite le proprie proteste nei confronti della situazione politica. In alcuni casi, essi rivolsero le proprie critiche non ai colonizzatori giapponesi ma ai propri compatrioti, utilizzando la tecnica del "fengci" e combinando satira ed ironia. L'analisi di un racconto di Zhu Dianren puo' essere particolarmente interessante per illustrare questa tendenza.
Caro Maestro... Scritti in onore di Lionello Lanciotti per l'ottantesimo compleanno
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Passi_Caro Maestro_2005.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 279.9 kB
Formato Adobe PDF
279.9 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/31341
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact