Il confronto con alcuni luoghi significativi dell'opera di Dostoevskij consente di mettere in relazione l'ambito del sogno con quello della verità e dell'autenticità dell'esistenza. In particolare, viene indagata la possibilità che, in Dostoevskij, il nichilismo e la negatività dell'esistenza possano appartenere essi stessi alla dimensione onirica: un "sogno" dal quale i mortali possono, purché ne siano consapevoli, ridestarsi.

"Dopo il mio sogno ho perso le parole": vita onirica e verità dell'esistenza.

BRIANESE, Giorgio
2011

Abstract

Il confronto con alcuni luoghi significativi dell'opera di Dostoevskij consente di mettere in relazione l'ambito del sogno con quello della verità e dell'autenticità dell'esistenza. In particolare, viene indagata la possibilità che, in Dostoevskij, il nichilismo e la negatività dell'esistenza possano appartenere essi stessi alla dimensione onirica: un "sogno" dal quale i mortali possono, purché ne siano consapevoli, ridestarsi.
Nelle parole del mondo. Scritti in onore di Mario Ruggenini
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Dopo il mio sogno.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 5.86 MB
Formato Adobe PDF
5.86 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/25947
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact