Angelica, psicomachia di un teatro esule