Aporie della modernità. La certezza dell'io e la perdita degli altri