Dettagliata rassegna del rapporto Manzoni-Belli, dal breve ma significativo biglietto on cui Manzoni ringraziò Morandi per l’invio dei Sonetti, alle molte menzioni di Alessandro negli scritti del Giuseppe Gioachino, dagli echi avvertibili nelle poesie italiane ai molti rintracciati per la prima volta nei versi romaneschi, tali da giustificare il giudizio che Belli diede del romanzo manzoniano, ritenendolo «il primo libro del Mondo»

Belli e Manzoni

GIBELLINI, Pietro
2008-01-01

Abstract

Dettagliata rassegna del rapporto Manzoni-Belli, dal breve ma significativo biglietto on cui Manzoni ringraziò Morandi per l’invio dei Sonetti, alle molte menzioni di Alessandro negli scritti del Giuseppe Gioachino, dagli echi avvertibili nelle poesie italiane ai molti rintracciati per la prima volta nei versi romaneschi, tali da giustificare il giudizio che Belli diede del romanzo manzoniano, ritenendolo «il primo libro del Mondo»
In un concerto di voci amiche. Studi di letteratura italiana dell'Otto e Novecento in onore di Donato Valli
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BELLI-MANZONI-OLIVA.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 223.11 kB
Formato Adobe PDF
223.11 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/19512
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact