Alcune osservazioni su due traduzioni italiane della di López de Gómara