La concezione dell'altro nel "Prigioniero del Caucaso" e negli "Zingari" di A. Pushkin