"Beni culturali": nuovi compiti per un orientamento estetico?